Cerca
Close this search box.

I videogiochi possono curare l’ambliopia?

Autore

6 min

Tempo

Negli ultimi anni, molte organizzazioni che si occupano di terapia visiva hanno utilizzato la tecnologia come approccio innovativo per sviluppare soluzioni digitali per il trattamento dei problemi oculari, tra cui l’ambliopia.

Molte organizzazioni che forniscono terapia visiva sono in contatto con medici oculisti, in modo da poter offrire questo servizio ai pazienti. Come per ogni cosa relativamente nuova, sorgono diverse domande e dubbi.

In questo blog parleremo di come la terapia visiva basata sulla gamification possa aiutare a migliorare la condizione visiva. In particolare, come aiuta a trattare l’ambliopia o l’occhio pigro. Pertanto, esploreremo i giochi per l’ambliopia e la loro efficacia.

Inoltre, esamineremo i fattori che influenzano l’esito della terapia. La nostra fonte per questo post è l’articolo intitolato ”Video game treatment of amblyopia”.

Aumentare l’adesione e gli effetti del trattamento con attività coinvolgenti

Per cominciare, i trattamenti che includono attività divertenti hanno un’alta percentuale d’adesione. Poiché i videogiochi e la visione di film sono entrambi molto coinvolgenti, si ottiene una maggiore adesione. Inoltre, i programmi terapeutici con un elevato grado d’adesione hanno avuto effetti terapeutici relativamente ampi.

Iscriviti alla nostra newsletter!

Ricevete consigli utili, contenuti approfonditi e le ultime notizie dal campo della terapia della visione e del miglioramento del nostro senso più prezioso: la vista!

“I trattamenti che includono attività divertenti hanno un’alta percentuale d’adesione.”

La terapia visiva che include attività divertenti ha un'alta percentuale d'adesione.
La terapia visiva è divertente!

D’altro canto, le terapie basate sui giochi per computer con attività monotone hanno avuto un tasso d’adesione inferiore rispetto al trattamento con occlusione con un’ampia varietà di attività. Inoltre, l’applicazione delle bande oculare ha un basso tasso d’adesione, il che rappresenta un grosso problema.

Rispetto alla formazione su compiti basati sull’acutezza, Astle e colleghi hanno scoperto che la formazione su compiti basati sul contrasto ha portato a maggiori progressi.

Caratteristiche dei pazienti che hanno utilizzato i giochi per l’occhio pigro

Esistono vari tipi di ambliopia e, secondo alcuni studi, la tipologia ha un impatto sui risultati del trattamento. In una ricerca, hanno costretto i bambini ambliopi a giocare a giochi di ambliopia per 20 ore.

Sette pazienti su dodici con ambliopia anisometropica hanno migliorato la loro stereoacuità, mentre solo uno dei nove pazienti strabici ha migliorato. Gli individui anisometrici e strabici sono migliorati a vari livelli mentre ricevevano lo stesso trattamento.

Per quanto riguarda il cambiamento nei risultati binoculari, un altro studio di gioco per iPad non ha riportato differenze nell’effetto del trattamento tra i bambini con ambliopia anisometropica e i bambini con ambliopia combinata strabica e anisometropica.

Altri studi suggeriscono che il tipo di ambliopia non influenza gli effetti del trattamento. Il miglioramento dell’acuità visiva migliorata con correzione (BCVA) non differiva tra i bambini con tipo strabismico, anisometropico o combinato. Non è stata riscontrata alcuna differenza significativa nel miglioramento della BCVA tra i pazienti con ambliopia grave rispetto a quella moderata o tra i pazienti con cause diverse.

I giochi di ambliopia hanno un'elevata efficienza nel trattamento dei problemi di visione binoculare.

Comunemente, l’età del paziente è stata considerata un fattore importante che determina gli effetti del trattamento dell’ambliopia. Gli studi attuali non hanno trovato una relazione importante tra l’effetto del trattamento sull’apprendimento percettivo e l’età.

Uno studio sul trattamento con iPad ha anche riscontrato una differenza significativa nella BCVA tra i bambini di età inferiore a sette anni e quelli di età compresa tra 7 e 12 anni. Inoltre, un altro studio ha confrontato il trattamento con i videogiochi con il trattamento tradizionale dell’occlusione e ha scoperto che, nonostante l’età avanzata, il gruppo dei videogiochi ha riscontrato un miglioramento visivo leggermente maggiore rispetto al gruppo della sola occlusione.

Confronto tra trattamenti per videogiochi e trattamenti tradizionali

I ricercatori hanno incluso 10 studi diversi e, sulla base dei dati disponibili sul miglioramento dell’acuità visiva (AV) e sui tipi di trattamento, i trattamenti con i videogiochi sembravano aver ottenuto un effetto leggermente migliore rispetto ad altri trattamenti.

Inoltre, Fu et al. hanno effettuato meta-analisi e confrontato il miglioramento visivo tra gli studi senza trattamento, con trattamento senza videogiochi e con trattamento con videogiochi. I risultati hanno mostrato che il trattamento con i videogiochi sembrava ottenere effetti migliori e di conseguenza un miglioramento dell’acuità visiva più elevato rispetto ai trattamenti senza videogiochi.

“Il trattamento con i videogiochi sembrava ottenere effetti migliori e di conseguenza un’acuità visiva più elevata.”

Hanno anche confrontato gli effetti dei diversi tempi di trattamento sul miglioramento dell’acuità visiva. L’acuità visiva è migliorata maggiormente con ore di trattamento più lunghe nel trattamento con videogiochi, mentre la connessione tra gli effetti del trattamento e il tempo non era significativa nel trattamento con occlusione.

Trattamento con bendaggio oculare per l'ambliopia.
Trattamento con occlusione

Un ulteriore fattore da prendere in considerazione è la prospettiva del mantenimento degli effetti del trattamento.

Mentre molti trattamenti tradizionali per l’ambliopia hanno una relazione lineare tra il tempo di allenamento e l’entità del risultato, questo non è il caso del trattamento con i videogiochi. Il miglioramento del BCVA non era proporzionale al numero di ore trascorse giocando ai giochi per l’occhio pigro per iPad.

Inoltre, l’impatto della terapia non è migliorato dopo quattro settimane di trattamento, né è cambiato tre mesi dopo. Il numero di ore trascorse giocando ai videogiochi non era sostanzialmente correlato ai miglioramenti della BCVA.

Giochi per l’occhio pigro che migliorano la vista: AmblyoPlay utilizza giochi terapeutici per la terapia!

AmblyoPlay utilizza l’approccio del videogioco combinato con gli occhiali anaglifi. Nella nostra collaborazione con le cliniche e nella comunicazione con i pazienti possiamo confermare i risultati dell’articolo, vale a dire che l’età non gioca un ruolo importante nel successo del processo terapeutico.

AmblyoPlay è una terapia visiva gamificata che tratta l'ambliopia.

Ma quello che abbiamo scoperto come fattore che gioca un ruolo importante è la motivazione a fare esercizi in modo constante, soprattutto con i bambini più piccoli. AmblyoPlay ha affrontato questo problema e si sforza di cambiare frequentemente gli esercizi e rompere la monotonia del gioco.

Abbiamo anche pubblicato il nostro fumetto AmblyoPlay per bambini, destinato ad aiutare genitori e medici a spiegare ai bambini perché gli esercizi di terapia visiva sono importanti e che l’esercizio fisico regolare è fondamentale per migliorare la loro vista e sviluppare un sistema visivo ben funzionante.

Videogiochi per ambliopia, strabismo, insufficienza di convergenza, diplopia e altre anomalie binoculari

Si è vero! AmblyoPlay è adatto per un’ampia gamma di problemi di visione binoculare.

Il programma di allenamento è completamente personalizzato in base alle tue esigenze e si rivolge alle funzioni visive che sono in deficit. Il primo elemento di personalizzazione avviene durante il processo di integrazione. Qui determiniamo il punto di partenza corretto e la sequenza precisa della formazione.

Tuttavia, questo è solo l’inizio. Il nostro software monitora il tuo rendimento, quali sono le sfide che osserva e si adatta in tempo reale per offrirti un’esperienza di allenamento e risultati ottimali.

Sebbene esista un solo software, è in grado di creare innumerevoli configurazioni uniche di formazione sulla terapia visiva per esigenze molto specifiche!

Richiedete oggi stesso la vostra terapia visiva AmblyoPlay!

Conclusione: giochi per l’occhio pigro

Dalla ricerca è emerso che gli approcci innovativi basati sui vantaggi offerti dalla tecnologia possono sostituire in una certa misura gli approcci classici. Riteniamo che queste conclusioni abbiano acquisito importanza anche durante l’epidemia di COVID-19, poiché possiamo giocare nel comfort di casa nostra in modo indipendente, senza la necessità di visitare un oculista.

Domande frequenti

I videogiochi possono aiutare con l’ambliopia?

Assolutamente. Ma i giochi devono essere progettati specificamente per affrontare la condizione e avere un’influenza terapeutica.

In che modo i videogiochi terapeutici sono diversi dalle altre opzioni terapeutiche più tradizionali?

In studi recenti, i ricercatori hanno rivelato che l’inclusione di attività divertenti migliora significativamente l’adesione, in particolare tra i bambini che potrebbero non comprendere la necessità della terapia visiva. Poiché l’adesione al programma di formazione è fondamentale per ottenere buoni risultati terapeutici, si può tranquillamente sostenere che i videogiochi terapeutici possono fornire risultati migliori. Inoltre, esercizi incentrati sul contrasto e sulla binocularità, noti come allenamento dicottico, hanno dimostrato risultati superiori rispetto ai metodi convenzionali. È interessante notare che gli studi indicano che l’occhio pigro è principalmente un problema binoculare piuttosto che monoculare.

Fonte: Fu, E., Wang, T., Li, J., Yu, M.; Yan, X. (2021). Video game treatment of Amblyopia. Survey of Ophthalmology. https://doi.org/10.1016/j.survophthal.2021.09.003

Thanks for subscribing!

Here is a coupon code for 5% discount on AmblyoPlay Vision Therapy

COUPON: NEWS5
Perché suggeriamo un tempo minimo di 6 mesi per il successo?

Sulla base dei dati di oltre 15.000 pazienti che hanno utilizzato AmblyoPlay, i miglioramenti iniziano entro 4 mesi, mentre i risultati ottimali richiedono in media dai 6 ai 18 mesi. La durata dell’allenamento necessario dipende dall’età del paziente, dalla gravità del problema, dalle patologie che lo accompagnano e dall’adesione al programma di allenamento.